Docenti

Prof. Luca Martini

(Arezzo 1978)

Si laurea in Ingegneria Civile indirizzo Edile con Lode presso l’Università degli Studi di Perugia con una tesi dal titolo Ridisegno dell’area di Ground Zero a New York City. Progetto del Memoriale alle vittime dell’Undici Settembre (relatore prof. Paolo Belardi) ed è Dottore di Ricerca in Ingegneria Civile presso lo stesso ateneo con una tesi dal titolo Alessi disegnato. Rilievo architettonico delle opere umbre di Galeazzo Alessi (curriculum in “Ingegneria Edile”, s.s.d. 08/E1 - Disegno). Attualmente è professore a contratto presso l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia di Metodologia della progettazione (dal 2017), Tecniche di rappresentazione dello spazio (dal 2017) e Fondamenti di disegno informatico (dal 2017) e assistente alla didattica presso il Corso di Laurea in Ingegneria edile-Architettura dell’Università degli Studi di Perugia nel corso di Laboratorio di Architettura e Composizione 1 (dal 2013). È membro dell’equipe di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università degli Studi di Perugia coordinata dal professor Paolo Belardi. Principalmente è impegnato in attività di ricerca sul rapporto tra rilievo e storia dell’architettura e tra rappresentazione e composizione architettonica. Tra le pubblicazioni più recenti si ricordano: L. Martini, Images of Perugia. Drawings of the City of the Schools of Architecture and Perspective of the “Pietro Vannucci” Academy of Fine Arts of Perugia, in “Proceedings of International and Interdisciplinary Conference IMMAGINI?”, 1, 9 (2017), 935; L. Martini, G. Ramaccini, Virtual architecture. The reasons of the architectural video projections drawing, in S. Bertocci, M. Bini (a cura di), The reasons of drawing. Thought, Shape and Model in the Complexity Management, Gangemi editore, Roma 2016, pp. 881-888 e la cocuratela del volume P. Belardi, L. Martini (a cura di), Lanfranco Radi. Il DNA rurale dell’architettura umbra, Il Formichiere, Foligno 2016.

Immagine di copertina
Cerca
Accademia Belle Arti Pietro Vannucci